NEWS

GREEN PASS: SOLUZIONE EQUILIBRATA, MA LE IMPRESE NON DOVRANNO FARSI CARICO DEGLI ONERI CONTRIBUTIVI DEI LAVORATORI IN ASPETTATIVA

L'estensione dell'obbligo del Green Pass per accedere nei luoghi di lavoro rappresenta una soluzione equilibrata che non genera distinzioni tra il settore pubblico e quello privato e potrà incentivare l'aumento della copertura vaccinale e l'ulteriore allentamento delle restrizioni che ancora condizionano molte attività economiche.
È quanto rileva CNA sulle indicazioni del provvedimento del Consiglio dei Ministri dopo la cabina di regia. La Confederazione apprezza che il decreto lasci alle singole imprese la libertà di definire le modalità di controllo delle certificazioni. Sul tema dei lavoratori collocati in aspettativa, CNA ritiene che le imprese non dovranno farsi carico degli oneri contributivi per l'intera durata della sospensione.

"Consideriamo l'estensione dell'uso del Green Pass per l'accesso ai luoghi di lavoro come un passo ulteriore verso la ripartenza. Chiediamo la ripartenza e non la semplice riapertura dal 9 aprile scorso, quando siamo scesi in piazza per manifestare con tutte le nostre categorie e i nostri territori", dichiara il segretario regionale di CNA Delio Zanzottera commentando il provvedimento che introduce le nuove regole sui luoghi di lavoro ed entrerà in vigore il prossimo 15 ottobre.
I protocolli di sicurezza erano un provvedimento emergenziale che abbiamo accettato e contribuito a scrivere perché volevano che le nostre imprese tornassero a lavorare.
Ma la battaglia contro il Covid richiede degli strumenti più snelli e ampi. La scelta di estendere il Green Pass è positiva e le nostre aziende si stanno attrezzando perché da quando è iniziata la pandemia, l'artigianato e la micro impresa piemontese ha a cuore la salvaguardia delle attività così come la sicurezza dei titolari, dei dipendenti e dei clienti. Alcune delle nostre imprese, infatti, stanno già adottando autonomamente le nuove regole.
"Ma - ha concluso il segretario regionale - mi preme ribadire quanto già detto nell'agosto scorso. La ripartenza deve essere un atto di coraggio collettivo e da questo punto di vista si deve andare verso l'obbligo vaccinale". 
Condividi su:
Condividi su FB
Condividi su Google+
Condividi su LinkedIn
Condividi su Twitter
21-09-2021


Le sedi CNA in provincia

Segr. Provinciale:
BORGO SAN DALMAZZO
Via Cuneo 52/I
Tel. 0171/265536 Fax 0171/268261

Uffici territoriali:

MONDOVI’
Via Pietro del Vecchio 10
Tel. 0171/265536 - Fax 0171/268261
SAVIGLIANO
Via Torino 90
Tel e Fax 0172/33632
BRA
Via Cavour, 11
/images/slide/img_17.jpg /images/slide/img_18.jpg